Oculus Medium è un applicativo per Oculus Rift che permette di utilizzare il visore 3D di Facebook per lavorare ad un modello 3d: l'esperienza coinvolgente permette di modellare e scolpire un modello 3d nei dettagli, texturing, materiali ed ambiente 3D.

Oculus Medium utilizza i controller touch (venduti con Oculus RIft e già utilizzati per i giochi e le altre applicazioni di Oculus) per unire l'esperienza tattile al naturale workflow della modellazione: in questi modo è possibile unire gesti semplici e visione a 360 gradi per muoversi all'interno dello spazio 3d, come se si fosse davvero al suo interno; la modellazione 3D diventa così molto più simile al lavoro di uno scultore.

Allo stesso modo in cui Photoshop ha i pennelli, lo strumento base di Medium sono i tool, che permettono di aggiungere o manipolare gli oggetti 3d utilizzando il controller Touch; al momento ci sono 8 strumenti disponibili:

  • Clay, lo strumento predefinito, consente di aggiungere e scolpire "materia" nella scena, usando pennelli di varie dimensioni e forme.
  • Spray consente di colorare il modello usando una sorta di aerografo.
  • Swirl per dare movimento al modello 3d 
  • Cut permette di tagliare il modello e di unire pezzi di modello già tagliati.
  • Inflate permette di iniettare o estrarre materia dalla modello, come se lo si stesse gonfiando o sgonfiando
  • Flatten aiuta a tagliare le aree del modello scultura per ottenere piani bombati o e le pieghe nette.
  • Smudge "sporca" il modello nella direzione in cui muovete il touch, con lo stesso effetto che ha un pollice sulla creta.

Oculus Medium Tools

Oltre i tools Oculus Medium lavora con gli Stamps: questa altra famiglia di strumenti permette di inserire all'interno della scena forme predefinite come numeri, lettere e pezzi strutturali (colonne, curve, bottoni, piatti). Gli stamp predefiniti sono oltre 300 ed ognuno è un modello editabile a tutti gli effetti: utilizzare gli Stamps accelera il processo di modellazione poichè si hanno a disposizione una serie di modelli base da combinare per ottenere un risultato più complesso, invece che modellare singolarmente tutti i dettagli. È anche possibile creare un proprio modello e trasformarlo in Stamps, per poterlo utilizzare e replicare in seguito. 

Oculus Medium mette a disposizione una serie di tutorial che esplorano le nozioni di base e le parti più avanzate: nel corso di ogni lezione è presente un avatar all'interno dello spazio di lavoro che vi guida attraverso gli angoli più nascosti con una guida passo passo. È possibile anche registrarsi da soli mentre si lavora con Medium, trasformando in un tutorial vero e proprio una tecnica o un tipo di modellazione, introducendo una componente di condivisione molto importante per raccontare il proprio lavoro.

Una volta realizzato il modello 3D è possibile esportarlo ad alta risoluzione ed utilizzarlo per la stampa 3D o in altri formati compatibili, in modo da aggiungere ulteriori detttagli. Oculus Medium infatti al momento si deve scontrare con un mercato (quello dei software 3D) altamente specializzato: i programmi di modellazione e rendering negli ultimi anni hanno subito una spinta importante e consentono di ottenere incredibili performance, a tutti i livelli del lavoro di computer grafica; evidentemente Oculus Medium non può competere sotto l'aspetto di complessità, ma introduce un nuovo modo di approcciare a questo tipo di lavori, che sicuramente piacerà agli addetti del settore.

Oculus Medium

 

Oculus Medium è disponibile al momento in 3 lingue (Inglese, Francese, Tedesco) a 29 euro, un prezzo davvero accessibile, quanto meno per provare un'esperienza di modellazione 3D immersiva ed alternativa.

Al momento per gestire Oculus e le applicazioni collegate è necessario disporre di un computer piuttosto potente: qui avevamo già discusso di come scegliere un computer compatibile con Oculus Rift. 

Categorie:3d tech