Le Smart City non sono più il futuro, sono realtà

In questi giorni parte in provincia di Brescia il progetto Smart Domo Grid: per un anno venti famiglie vivranno l'esperienza di una smart city, continuando a vivere normalmente nelle loro case, "digitalizzate" per l'occasione.

Il paesino scelto si chiama Violino, a pochi km da Brescia: obiettivo del progetto è valutare i benefici che le reti intelligenti e l'utilizzo razionale dell'energia domestica portano ad un nucleo familiare.

Il progetto è finanziato dal ministero dello Sviluppo economico e sostenuto da A2A; come partner anche il Politecnico di Milano e Whirlpool.

La scelta di sostenere questo progetto non è affatto casuale: A2A è infatti leader delle distribuzione di energia elettrica nel Nord Italia, il Politecnico di Milano si è occupato dello sviluppo di un sistema che supplisce a mancanze momentanee di corrente, migliorando l'utilizzo dell'energia; Whirlpool ci mette materialmente i propri elettrodomestici "intelligenti", usandoli come test prima del lancio sul mercato del prossimo anno.

«Per Whirlpool innovazione significa beneficio per il consumatore; in vista del lancio sul mercato degli elettrodomestici connessi è quindi determinante capire come si rapporta l'utente finale con le possibilità offerte dalla nuova tecnologia, racconta Marco Signa, coordinatore del progetto per Whirlpool EMEA. Nessuna verifica risulta più utile di quella fatta sul campo, in condizioni di impiego reale; per questo siamo certi che con il Feedback delle famiglie saremo in grado di mettere a punto e proporre dei prodotti che segneranno le nostre abitudini domestiche negli anni a venire»

Frigorifero, lavastoviglie, lavatrice, gli elettrodomestici coinvolti, controllati in remoto da un tablet con un'app dedicata al monitoraggio ed alla gestione dell'energia.

smart-city-domo-grid

Tre i punti di forza di Smart Domo Grid:

  1. La possibilità di pianificare nella fascia oraria più conveniente il funzionamento degli elettrodomestici alla luce dell'uso che si intende farne e grazie anche all'integrazione nel sistema di Energy Management domestico delle previsioni di produzione degli impianti fotovoltaici degli utenti.
  2. La possibilità per l'utente di partecipare attivamente affinché la rete elettrica possa funzionare al meglio, ricevendo informazioni e consigli utili per gestire i sovraccarichi inviate direttamente al tablet.
  3. La possibilità per ogni famiglia di monitorare lo storico dei propri consumi e delle produzioni del fotovoltaico tramite una web application messo a disposizione da A2A Reti Elettriche.

Think BIG, start SMALL, scale up FAST

Il progetto testerà l'ottimizzazione dell'utilizzo di energia su un piccolo gruppo di persone per adattarlo poi man mano alle grandi necessità. Gli utenti potranno programmare il funzionamento degli elettrodomestici e verranno premiati con un sistema di incentivazione a seconda del loro "comportamento energetico"; l'azienda fornitrice di energia e i produttori di elettrodomestici avranno importanti indicazioni sulle abitudini degli utenti coinvolti, per migliorare prodotti e servizi offerti: fra un anno i risultati dell'iniziativa.

Categorie:tech